CLICK HERE FOR BLOGGER TEMPLATES AND MYSPACE LAYOUTS »
"Ciò che conta è l'abitudine di imparare ad amare"

(Jane Austen 1775-1817)

La poesia d'amore...

Lizzie: Mi chiedo chi abbia scoperto che la poesia ha il potere di scacciare l'amore.
Darcy: Credevo fosse il nutrimento dell'amore.
Lizzie: Se l'amore è deciso e vigoroso, può darsi. Ma se è solo una vaga inclinazione penso che un misero sonetto lo faccia morire di fame.
Darcy: Cosa raccomandate dunque per incoraggiare i sentimenti?
Lizzie: La danza. Persino se il cavaliere è appena passabile.

Tratto da Orgoglio e pregiudizio

martedì 18 novembre 2008

Tu sei ancora lì, passerotto

Hai un cuore di lacrime, hai un cuore di sole
che si riposa quietamente da anni, nel nido tiepido
che ti sei costruito volenterosamente.
Ci distendi le tue speranze abbastanza comodamente,
le coccoli sotto le tue piume morbide di cuscino.

Il tempo scorre, il mare non si arresta,
il mondo si rivolta su se stesso, la notte carezza il giorno,
le piante si affaccendano nella fotosintesi clorofilliana,
gli animali fanno letargo: si appisolano e si svegliano.
Tu sei ancora lì.

Il tuo sguardo di passerotto smarrito racconta le tue tribolazioni,
sorridi e dissimuli, cambi discorso... sospiri.
E sei sempre lì.
T'immagino come un'antica statua a guardia della tua Città Dorata:
che puoi ammirare da lontano, ma che non mancheresti mai di proteggere.
Per questo sei sempre lì.

Meriti che la luminosità della tua anima sia pace,
ma passando gli anni... la notte, seppur fredda, diventa gradita abitudine,
quantomeno terra conosciuta, alleata affidabile.
Premi la mano sul petto come una ferita:
lì, dove sopporti il dolore del solco, batte un germoglio di cuore da salvare!
Premi la mano sul petto e senti i tuoi battiti...
loro sanno cosa c'è da sapere e cureranno la tua piaga millenaria
che si trascina, imperturbabile degli anni.

Tu sei ancora lì, a guardia, condottiero ferito,
volgi lo sguardo al ricordo che rende belli i tuoi occhi,
ti affama e ti dà sostentamento, riempie gli spazi, ogni cosa,
rende i tuoi occhi più bagnati e più asciutti.
Accetti la tua sorte con sensibilità e con sforzo,
ma mai senza quel coraggio che ha reso forti le tue braccia
e immortale la tua anima.

Passerotto ferito! Hai un cuore di lacrime di sole assieme a te,
è l'eredita dell'amore, è l'eredità che la Terra lascia da nutrire.
Io ti chiedo la ragione e tu sorridi dolcissimo,
non dici una parola, non dici una parola,
sei sempre lì.
E questo ti basta, questo assicura un altro battito ancora alla tua ferita.

Ricordati di respirare ogni notte.
Ricordati di sognare ogni notte.
Ricordati di ciò che sei.
Ricordati che i ricordi fanno bene e fanno male:
ma sta a te dire basta... quando diventano pena e supplizio.
Ricordati dei bei ricordi.

Ricorda che una notte non dura mai tutta la notte:
è ciò che mi hai insegnato,
fa' che gli insegnamenti che hai dato a me siano buoni anche per te!

Addormentati nel tuo nido, forse la ferita sarà meno dolorosa,
addormenta le lacrime: hai un cuore di sole.
Gira lo sguardo verso la luce che nutre i tuoi ricordi,
tu sei sempre lì, tu sei ancora lì.
Rimani tutto il necessario:
ma permetti alle tue ali di muoversi ancora, un giorno...

(poesia scritta per un amico che soffre da anni, e che non riesce a trovare il senso alla sua storia, continuando a soffrire; ciò rende la sua dolcezza quasi una beffa: poiché una persona così sensibile non merita di soffrire così. Le mie parole non hanno facoltà o potere e non possono lenire il dolore... eppure, la mia speranza è che siano una luce che illumini il buio, luce che dia sollievo e illumini una nuova strada...)

21 commenti:

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Le tue parole arrivaranno sicuramente nel punto più profondo, nelle viscere di quell'animo che per tanti anni ha inseguito il sogno per il quale vale tutt'ora la pena di vivere.
Forse un giorno, in una sublime licenza poetica, anche la sua anima inquieta troverà pace.
Per ora, resta solo il ricordo di ciò che poteva essere.
Salutami il tuo amico,leggendo le parole del tuo bellissimo post ne ha bisogno.
Un abbraccio.

XPX ha detto...

bella poesia, complimenti.

Blessing Sunday Osuchukwu ha detto...

Sono sicuro che le tue parole arrivano molto più lontano di quanto tu puoi immaginare.
Ancora una volta mi dai una grande emozione con la tua poesia...brava!!!

Follementepazza ha detto...

Le parole di questa posia nn cureranno le ferite carnali..ma ci sn parole che possono dare conforto allo spirito...dare forza..
bella poesia!!!

Melina2811 ha detto...

complimenti per la poesia, ciao da Maria

Luana ha detto...

TI assicuro che queste parole arriveranno sicuramente, sono troppo piene di dolce affetto, fanno rabbrividire...che zuccherino che sei Silvia :)!
Buona notte.

Squilibrato ha detto...

Ho pianto.

Ho come avuto la sensazione di aver imparato a piovere per un momento.

E' bellissima, sono parole che colpiscono dall'interno verso l'esterno. Caspita!

Infatti ho pianto.

Ciao mezzelfa!

Pupottina ha detto...

le tue parole sono così belle che saranno state un successo per il tuo amico...

buon giovedì

Adriano Smaldone ha detto...

ciao sono adriano smaldone l'autore del blog www.smaldoneadriano.blogspot.com facci un salto se ti va se lasci un commento t'inserirò nei "blog amici" cosi potrò sempre commentare il tuo blog spero che farai la stessa cosa anke cn il mio

Calliope ha detto...

Ciao Silvia.
Innanzitutto complimenti per il tuo mondo..mi piace.
anche il titolo ragione e sentimento, ed anche come scrivi, ed anche il template..ed anche..in pratica mi piace tutto ed è accogliente di visioni e parole.

questa poesia che hai scritto io non so se arriverà mai al cuore del tuo amico ferito che non merita di soffrire..perchè sai..a volte non si "ascolta" veramente perchè non si vuole "ascoltare", bisogna immaganizzare e rielaborare per bene per uscire fuori da certe situazioni e spero che queste tue parole siano per il tuo amico un aiuto per "capire" e per non "dimenticare"..per uscire dal buio e per ricordare che c'è sempre posto e tempo per le cose belle..

Ciao noti melodiose ^_^
A presto e buona serata.

Melina2811 ha detto...

volevo informare in rete che la proposta di legge che poteva far chiudere tutti i nostri blog, è stata ritirata ieri quindi per il momento possiamo tirare un sospiro di sollievo. Ne ho anche scritto in piccolo post. Ciao da Maria

l'incarcerato ha detto...

Questa poesia è stupenda, è incredibile come le tue poesie siano sempre così piene di umanità.
Rimango sempre senza parole.

Angelo D'Amore ha detto...

spesso siamo noi stessi meridiononali che poniamo le basi per l'altrui diffidenza nei nostri confronti.

la campania e' una barca che sta affondando, noi spesso ne allarghiamo la falla...

INTELLETTUALI CAMPANI: ELOGIO DELLA DECADENZA

ne parlo nel mio blog.

lucagel1 ha detto...

Bellissima,emozionante,tumultuosa,appassionata...buon w end,io lavorerò ma troverò il tempo per brindare al compleanno! ciao

CyberMaster ha detto...

...il tuo amico è fortunato...

ALTERATA ha detto...

Bella poesia, complimenti!

Myriam ha detto...

Complimenti é dire poco! Si capisce subito che sei un'amica preziosa da tenersi stretta.
Paragoni lui ad un passerotto..tutto ciò mi fa molta tenerezza.
E poi.. non poteva non commuovermi:le parole sono così profonde.
Seguirò il tuo blog, ho letto un solo post e già mi hai tolto il fiato.:)
Il mio blog invece è appena nato.
A presto ;)

Dual ha detto...

Bellissimi versi..Anche il tuo blog e' molto bello!
Ti auguro una buona domenica!

Vele/Ivy ha detto...

Ciao, il tuo blog è veramente un posto bello in cui stare... dalle immagini alle parole, tutto è coinvolgente e parla di te. Complimenti!

Alidiluna ha detto...

Non si possono aggiungere altri commenti...
un abbraccio a te ed al tu amico.
Giulia

stella ha detto...

Emozioni forti,silvia.

Leggi ad alta voce i tuoi versi al tuo amico.

Ti sorriderà!